Celle di Carico: Utilizzo e Funzionamento.

pesatura camion

Il corretto funzionamento dell’industria e del commercio tiene conto anche della stima dei pesi, fondamentale per lo svolgimento di qualsiasi attività e per l’uso corretto delle risorse. Per ottenere il peso esatto di strutture, materie prime o merci, esistono sistemi specifici da scegliere in base al settore d’impiego e agli oggetti da pesare. L’individuazione del metodo e dello strumento più adatti richiedono la conoscenza della materia e in particolare delle operazioni da compiere, perché il risultato lo si ottiene solo adoperando le attrezzature e le tecniche idonee. In un panorama come questo le celle di carico possono fornire la risposta a molti problemi di pesatura (vedi https://www.geass.com/celle-di-carico/)

Le celle di carico a compressione
Il peso di manufatti massicci con dimensioni particolarmente grandi richiede la possibilità di spostare le strutture e ciò può avvenire più facilmente se si tratta di mezzi di trasporto come vagoni di treni o barche di una certa grandezza, ma la logistica deve essere curata nei minimi dettagli. Non si può usare la classica bilancia, che in questi casi non consentirebbe neppure di misurare il peso con precisione. Quando si devono pesare carichi di svariate tonnellate ci vuole un sistema meccanico, che però prevede tempistiche di assestamento lunghe e soprattutto necessita di una frequente taratura, con l’azzeramento dei dati.

Il funzionamento delle celle di carico
Le celle di carico sono ideali per misurare il peso di oggetti che non si riescono a spostare oppure con dimensioni importanti. Per comprendere il funzionamento delle celle è opportuno ricordare il principio delle resistenze usato in elettrotecnica. La resistenza costituisce il rapporto tra la caduta di tensione del conduttore e la corrente che corre in esso, inoltre è una proprietà tipica di tutti i materiali, specialmente se sono in grado di lasciar passare la corrente. La resistenza si lega alle forme geometriche degli oggetti e quindi al variare delle proporzioni geometriche dei manufatti sottoposti al carico si riesce a eseguire un calcolo della forza peso. Il carico pesante schiaccia il conduttore e per questo fa cambiare la resistenza elettrica da leggere con lo strumento specifico, l’ohmetro, e calcolare quindi il dato che serve. Se si conoscono le peculiarità tecniche della cella si può mettere il dato in relazione al peso da subire e conoscere così il numero ricercato. Prendendo l’oggetto da pesare e ponendolo sulle celle, grazie alla deformazione delle celle stesse si può ricavare la stima del peso con la massima precisione. Naturalmente dipende sempre dall’attrezzo scelto per compiere la misurazione.

Le misure senza oscillazioni per garantire precisione
Il punto di forza delle celle di carico è dato dalla mancanza di elementi meccanici in movimento. Per comprendere meglio questo aspetto è meglio usare un esempio: si prende un vagone ferroviario che trasporta travi di ferro. Mentre lo si osserva viaggiare si può avere un’idea di come possa essere la resistenza meccanica della bilancia. Se si dovesse adoperare questo strumento per stimare il peso, inevitabilmente vi sarebbe un’oscillazione prolungata, proprio perché si creerebbe un grande stress per l’attrezzo. Se non vengono svolti i calcoli in maniera corretta, scegliendo il giusto attrezzo, si rischia di rovinare il vagone con il suo carico, perché la bilancia cede. Le celle di carico a compressione si previene questo tipo di problematica. Non si hanno oscillazioni perché il sistema adoperato è in grado di reggere. Proseguendo con l’esempio del treno, le celle potrebbero essere messe in maniera integrate sui binari, tenuto saldo dalla massicciata su cui è stato posato. Il vagone tenderà a deformare i binari su cui poggia, quindi l’attrezzatura per la determinazione del peso riesce a registrare il dato. Nel caso del vagone, l’unico elemento che può creare qualche difficoltà è la frenata del carico perché serve un grande movimento.

Il vantaggio delle celle di carico a compressione
L’utilizzo delle celle di carico a compressione è particolarmente indicato per determinare il peso, perché proprio il funzionamento con elementi meccanici piuttosto semplici come i cilindri permettono di avere solidità. Dicendolo volgarmente: non si teme alcun peso. La resistenza dello strumento è decisamente elevata. Inoltre i componenti delle celle di carico si possono sostituire facilmente, sia per l’operazione da svolgere sia per il reperimento dei ricambi. L’esempio del vagone è utile a capire il sistema, ma l’applicazione di questo strumento di rilevazione del peso riguarda anche gli oggetti non in movimento. Si presta molto bene per i silos. Questi manufatti hanno grandi dimensioni e carichi importanti, quindi l’unico strumento capace di stimare il peso sono le celle di carico a compressione. Basta integrare l’attrezzatura con la struttura portante, il sostegno su cui poggia il silos e si fanno i calcoli senza pericolo di sbagliare e senza avere fattori di incertezza come le oscillazioni di una bilancia con piatti e un braccio.

Gli altri punti di forza
La comodità nell’uso e la validità dello strumento sono dovute anche alla presenza di un prezioso elemento: il sensore di carico. L’impiego di questo ulteriore fattore permette alle celle a compressione di ridurre la tempistica adoperata per la pesatura. Questo porta ad un risparmio non solo di tempo, ma anche di costi. Non mancano, a contribuire, i programmi informatici, le nuove tecnologie che permettono di avere dispositivi di lunga vita per rientrare delle spese sostenute. Il sensore dura nel tempo garantendo efficienze e così non si devono spendere altri soldi per sostituirlo. Sempre in termini economici va precisato che in commercio esistono diversi modelli di celle a comprensione e ciò significa che scegliendo l’attrezzatura in base alle misurazioni da effettuare, si può tranquillamente sfruttare la risorsa al massimo. Si pesano pochi chilogrammi come svariate tonnellate. Ogni attrezzo ha una sua calibratura, quindi è bene scegliere il macchinario più idoneo all’utilizzo che se ne intende fare. I singoli sensori sono capaci di pesare diverse tonnellate.

Gestione e manutenzione delle celle di carico per silos
Le celle sono realizzate seguendo rigidi protocolli di qualità e ciò significa che possono essere intercambiabili tra loro, favorendo l’efficienza della manutenzione. Il reperimento degli accessori è semplice, così come l’assemblaggio dei vari elementi meccanici. Ci sono scatole di giunzione che servono a collegare celle di diverse misure per avere una certa versatilità e adattabilità nell’impiego. Tutte le operazioni di uso e manutenzione sono intuitive e immediate, in modo da facilitare il lavoro degli addetti.”