Sonus Faber, qualità d’altri tempi e tecnologia moderna

sonus faber2

Quando si deve fare un acquisto importante, come per esempio quello delle casse dell’impianto stereo, affidarsi alla qualità è l’unica realtà possibile. Meglio mettere da parte la somma da destinare all’acquisto in modo da poter fare una scelta che si basi unicamente sulla qualità piuttosto che sul prezzo. In fatto di acustica si deve sempre pretendere la massima fedeltà del suono, o la conseguenza sarà pentirsi ogni volta che si accende lo stereo per l’acquisto incauto. E quindi bisogna, oltre ad avere un discreto budget, avere anche le idee chiare sull’acquisto da fare. L’azienda Sonus Faber è da anni uno dei migliori creatori di sistemi di diffusione che esprimono una qualità del suono superiore.

Sonus Faber, l’atelier del suono

L’azienda Sonus Faber nasce negli ormai lontani (ma non troppo), anni ’80, grazie al desiderio di Franco Serblin di dare vita, appunto, a un’azienda che potesse creare dei diffusori che non fossero minimamente accostabili a quelli prodotti su larga scala. Insomma, un atelier del suono pronto a soddisfare chi, dalla musica, pretende il massimo. L’idea però era quella di creare non solo dei diffusori di suono fedeli e di alta qualità, ma che avessero anche un impatto estetico rilevante.

Con determinazione e tanta tenacia, nasce così l’azienda del marchio vicentino che ancora oggi è in grado di creare dei veri gioielli musicali. Il segreto del successo? L’aver combinato con grande equilibrio e sapienza la passione per la musica (ovviamente anche la tecnica e le tecnologie) con l’arte ebanistica. Il risultato è splendidi diffusori acustici in legno, raffinati e di qualità eccellente.

Progetto Snail, il primo prototipo

sonus faberIl primo prototipo prende il nome di Progetto Snail e si tratta di un rivoluzionario sistema in cui soli dieci esemplari sono costruiti totalmente in legno con diverse essenze. Il progetto viene presentato al SIM di Milano, sebbene in via non ufficiale e riesce a stupire tutti per bellezza e originalità. Un’unità centrale, che conteneva le sezioni base, più due diffusori satellite che venivano collegati a quello centrale mediante dei bracci articolati estensibili.

Da quel momento la fama di Sonus Faber inizia a crescere e a diffondersi.

La realtà odierna

Oggi Sonus Faber fa parte del portafoglio prodotti di Fine Sounds Group, la holding proprietaria di marchi come Audio Research. Acquisizioni importanti quindi, che fanno parte del progetto  imprenditoriale del Dott. Mauro Grange, CEO di Sonus Faber e Fine Sounds Group, e che hanno portato l’azienda a diventare uno dei gruppi leader nel settore High-end, quindi dei diffusori acustici, nel mercato internazionale.

Progetti ambiziosi che continuano con la recente acquisizione di Mcintosh.