Come si può investire in azioni Amazon. Consigli facili

Amazon

Sempre più persone vogliono investire, soprattutto con il trading online, e acquistare e/o vendere azioni con una compagnia Amazon può essere una buona scelta, se ci si affida al broker giusto e si valutano tutti i pro e i contro.

Amazon è un sito di e-commerce, noto in tutto il mondo, dove si possono comprare e vendere diversi tipi di articoli, dai libri agli elettrodomestici, a prezzi convenienti, e il suo volume d’affari si è di gran lunga ampliato, negli ultimi anni.

Le azioni della società di Amazon sono state inserite in Borsa, per la prima volta, nel 1995, ed oggi è arrivata a fatturare all’incirca trentacinque miliardi l’anno. La maggior parte di questi guadagni proviene dagli Stati Uniti, ed in alcuni è riuscita ad ottenere un fatturato annuo più alto del 40%, rispetto all’anno precedente. Nel 2017, la capitalizzazione borsistica del gruppo ha raggiunto, in totale, 430.880,64 milioni di dollari.

Tramite la piattaforma di trading online MarketPlace, alcuni venditori possono commerciare i loro prodotti, a patto che questi ultimi vengano referenziati da Amazon ed inseriti nel suo catalogo.
Per quanto riguarda le azioni, il miglior momento per acquistarle è quando il gruppo esegue un’acquisizione o lancia un nuovo prodotto o servizio. E’ importante, quindi, tenersi informati sugli sviluppi della società, tramite siti specializzati di economia e di Borsa.
Con Amazon è possibile acquistare delle azioni, senza diventare automaticamente degli azionisti, utilizzando strumenti come i CDF o i Bitcoin.
Tra le piattaforme di trading online dove è possibile investire in titoli di Amazon, oltre a MarkePlace, si possono includere anche eToro, Plus 500 e 24option.

Pro e contro dell’acquisizione delle azioni Amazon

Ci sono diversi vantaggi, nel comprare delle azioni di una società come Amazon, in quanto è il maggior sito di e-commerce che registra il maggior numero di vendite, nel settore, soprattutto per il modo in cui estende la sua varietà di prodotti, come il lancio del Kindle, che ha permesso l’acquisto di libri digitali.
I modelli di business della società non sono solo orientati alle crescita delle infrastrutture e-commerce, ma anche sulla fidelizzazione, che gli permette di intrattenere rapporti stretti sia con i clienti che con i suoi partner commerciali, come la Samsung o la Nintendo.

Ovviamente, ogni investimento presenta sempre degli svantaggi. Un problema in cui può imbattersi un gruppo societario come Amazon (e simili), è la contraffazione di brevetti, che può pesare sugli investimenti degli azionisti.
Amazon deve, comunque, fare fronte ad altri concorrenti, soprattutto per quanto riguarda alcuni mercati, come quelli dei libri digitali.
Un problema che si può presentare con una vendita così “globale” è quello degli oscillamenti dei tassi di cambio, che può influire sul suo redditto.

Quando ci si chiede se conviene acquistare delle azioni di una società come Amazon, non si può rispondere semplicemente con un sì o con un no. Sicuramente, non è il genere di transizione che dovrebbe seguire un trader che non vuole subire delle grosse perdite o vuole degli investimenti del tutto sicuri. L’attività borsistica di Amazon non è del tutto immune alle perdite.