Industry 4.0: tecnologie e benefici

Oramai la tecnologia sta avanzando inesorabilmente in ogni ambito, molti passi da gigante sono stati fatti in questi ultimi anni, cose che ritenevamo impensabili oggi invece sono possibili.

Ed è proprio quello che sta accadendo anche nel mondo dell’industria: numerosi esperti sono concordi nel fatto che fra pochi anni tutto diventerà automatizzato pure per quel che riguarda la produzione industriale.

Che cos’è l’industria 4.0

Si tratta della diretta conseguenza della digitalizzazione nel settore produttivo.

Con questo nuovo innovamento le aziende dovranno confrontarsi con due realtà ovvero quella fisica e quella virtuale e cercare di considerarle come un unico sistema di produzione industriale.

Come cambierà il lavoro con l’industria 4.0

E’ risaputo che molte innovazioni portano a grandi cambiamenti e anche nel caso dell’industria 4.0 moltissime saranno le trasformazioni che avverranno nell’ambito lavorativo.

Tantissime saranno le professioni che nasceranno anche se purtroppo c’è da dire che molti posti di lavoro scompariranno completamente.

Saranno diversi gli ambiti che avranno un ruolo centrale, come l’informatica, l’area finanziaria, il management, l’ingegneria, tuttavia non possiamo non menzionare le perdite che sussisteranno con la messa in atto di questa innovazione e purtroppo le aree che constateranno tale effetto negativo saranno quelle della produzione e le aree amministrative.

Quali sono gli svantaggi dell’industry 4.0

Da come si può facilmente intuire non sono pochi coloro che temono che le macchine sostituiranno l’uomo.

Ovviamente non è detto che ciò si trasformerà in realtà anche se quello che si è stato constatato è che la manutenzione dei robot da parte dei macchinari stessi ha superato di gran lunga quella degli esseri umani dal punto di vista qualitativo e a quanto sembra nel 2020 il cambiamento sarà radicale.

Tutto questo vuole indicare che le macchine dialogheranno le une con le altre e oltretutto saranno capaci di eseguire una manutenzione preventiva.

In aggiunta, i robot lavoreranno con gli uomini e impareranno da essi. In altri termini la fabbrica diventerà Smart, in tutto e per tutto.

Ovviamente passare all’industria 4.0 non sarà una cosa facile e immediata ma occorrerà del tempo in modo tale che le aziende imparino gradualmente a interfacciarsi con questa innovazione.

Alcune lo stanno già facendo come Mediatec Srl che mette a disposizione tutta la competenza acquisita nel tempo per soddisfare ogni esigenza da parte del cliente con prodotti altamente d’avanguardia e innovativi.

Le conseguenze di chi si opporrà a tale trasformazione

Le aziende che si opporranno a tale trasformazione verranno tagliate fuori perché l’industria 4.0 impone dei modelli di lavoro molto più veloci ed efficienti.

Come è stato ribadito in precedenza dunque, l’azienda diventa una smart factory dove i vari processi produttivi verranno controllati attraverso svariati mezzi tecnologici ovvero: sistemi di cloud computing, intelligenza artificiale, automazione, e via dicendo.

Prima che le varie aziende si interfacceranno a questa trasformazione dovranno imbattersi in svariate sfide, in primis dovranno ristrutturare il tutto individuando nuove strategie e questo non vuol dire soltanto acquistare nuovi macchinari ma è altrettanto importante comprendere dove applicare la tecnologia individuando i punti di forza ma anche i punti di debolezza.

Il processo dovrà essere graduale, ma di sicuro una volta entrati nell’ottica i benefici non mancheranno.