Situazione economica della famiglia media italiana

situazione economica italiana

Al giorno d’oggi è abbastanza frequente subire un protesto, a causa delle numerose difficoltà economiche scatenate dalla crisi. Vivere essendo protestati può essere molto difficile, soprattutto quando si tratta di cercare di avviare una nuova attività lavorativa. Ecco perché è importante seguire alcuni pratici consigli, attraverso i quali sarà possibile uscire più facilmente da questa situazione.

Com’è la vita essendo protestati?

Le conseguenze pratiche del’iscrizione del proprio nome nel registro dei protesti non sono certo positive. Innanzitutto, la pubblicità dei nomi delle persone protestate può danneggiare professionalmente il soggetto che cerchi di concludere affari, magari avviando una nuova attività. È molto facile che una controparte effettui controlli sui precedenti finanziari, scoprendo che l’altro in passato non si è dimostrato affidabile. Questo può comportare un danno da immagine e nuocere alla possibilità di fare affari, circostanza che può rendere ancora più difficile per un soggetto protestato uscire da questa situazione.

Come se non bastasse, chi è protestato ha molte difficoltà nell’ottenere finanziamenti, anticipi e qualsiasi forma di prestito dagli istituti bancari tradizionali. Infatti, le banche e le finanziarie tenderanno a diffidare di chi non è stato in grado di onorare un precedente debito. Ciò potrà comportare due conseguenze per il protestato: o si vedrà precluso del tutto l’accesso al credito, o, se riesce a trovare qualche banca che vuole finanziarlo, lo farà al costo di garanzie molto solide, che difficilmente un soggetto in difficoltà economiche potrà reperire.

Ottenere la cancellazione dal registro protesti

Se queste sono le principali difficoltà che comporta vivere essendo protestati, si comprende l’importanza di risolvere tali fattori così da riuscire a riprendersi, economicamente e psicologicamente, magari avviando una nuova attività.

Da questo punto di vista, il primo consiglio è quello di puntare ad ottenere la cancellazione dal registro dei protesti. Fortunatamente, questo obiettivo può essere raggiunto in molti modi:

  • Eseguendo il pagamento del debito che ha causato l’iscrizione nel registro dei protesti, entro dodici mesi dalla suddetta iscrizione;
  • Contestando la legittimità del protesto in tribunale, perché questo ad esempio è stato eseguito per errore o al di fuori dei casi previsti;
  • Ottenendo la riabilitazione, sempre facendo opportuno ricorso al tribunale.

Come ottenere finanziamenti o aprire un conto corrente da protestati

L’altra grande difficoltà è quelle concernente la chiusura del credito ai protestati, fattore che può rendere davvero difficile vivere e lavorare per chi abbia subito un protesto. Sebbene non esista una normativa che vieti ai protestati l’apertura di un conto corrente o l’accesso al credito, è lo stesso fatto che il protestato abbia un trascorso di cattivo pagatore a precludere l’acquisto di prodotti bancari.

Questa circostanza, soprattutto se si tratta di un imprenditore, può comportare seri problemi alla prosecuzione dell’attività o difficoltà immense per avviarne una nuova: sarà impossibile ricevere i pagamenti delle prestazioni rese, ma anche saldare i debiti con i propri fornitori, con il rischio di andare a peggiorare la propria condizione di protestato.

Fortunatamente, da questo punto di vista esistono alcune società che offrono la possibilità di aprire conti bancari che mettono a disposizione l’operatività più ampia, come bonifici SEPA, filiali internet, home banking ed emissione di carte prepagate. Tali conti, come quello offerto dal sito contoprotestatiservice.it, non permettono di accedere al credito o di possedere assegni e altri titoli: tuttavia, permettono quanto meno di incassare i pagamenti e pagare quanto dovuto, in modo da offrire una soluzione d’emergenza in attesa di tempi migliori.

Grazie al conto corrente per protestati sarà possibile continuare l’attività lavorativa senza parte degli ostacoli che derivano dal vivere essendo protestati: in questo modo sarà più semplice tornare a respirare con serenità.