Dopo quanto tempo passa il ciclo

ciclo mestruale

Si chiama ciclo mestruale il tempo che passa tra una mestruazione e quella successiva ed è caratterizzata da perdite ematiche più o meno abbondanti.
La durata del ciclo varia da persona a persona. La durata media è di 28 giorni, gli stessi di una fase lunare, ma nella maggior parte dei casi dura tra i 24 e i 35 giorni. Ci sono anche casi in cui il ciclo non compare affatto (amenorrea) o in cui c’è una forte irregolarità.
Ci sono notevoli differenze tra persone e persone e anche una stessa donna può vivere variazioni nel corso della vita. Ci sono alterazioni dovuti a condizioni psicosomatiche, cambiamento di dieta, allattamento, gravidanza o anche patologie importanti.
Ma una delle domande che ci si pone è quanto tempo dura un ciclo e quanto dura il flusso di sangue.

Quanto durano le mestruazioni?

Questa domanda non ha una risposta univoca perché, come si è detto, ci sono molte variabili e molte differenze tra donna e donna.
In genere il ciclo viene preannunciato da sintomi di vario tipo, noti come sindrome premestruale. I più comuni sono dolore addominale, gonfiore dell’addome, sensazione di seno ingrossato e irritabilità. Compaiono 2-3 giorni prima che inizi il ciclo ma possono durare fino alla completa scomparsa delle mestruazioni. Anche in questo caso ci sono notevoli diversità: non tutte percepiscono questi sintomi e non tutte allo stesso modo.
In egual misura, la durata del ciclo non è standard. É stata però calcolata una media secondo cui alla maggior parte delle donne passa il ciclo dopo circa 5 giorni. C’è anche chi ha una durata più breve ma i medici hanno affermato che non dovrebbe avere una durata superiore agli 8 giorni.

Il ciclo ha una durata diversa. Devo preoccuparmi?

Come già detto, ci sono tanti fattori che possono apportare modifiche e una donna può sperimentare variazioni e cambiamenti. Le cause possono essere le più svariate: da momenti di stress, difficoltà emotive, forti cambiamenti, cure ormonali, gravidanza o allattamento. Vediamo alcuni casi in cui i cambiamenti di durata del ciclo sono più che normali.

La pubertà

Questo momento della vita è molto delicato e si va incontro a profondi cambiamenti nel corpo, che coinvolgono anche gli ormoni che su di essi incidono in maniera preponderante. Non è un caso che i primi cicli siano estremamente brevi o, al contrario, molto lunghi.

La menopausa

Allo stesso modo, un altro periodo di forte transizione è quello della menopausa. Nei mesi precedenti ad essa capita di frequente che ci sia molta irregolarità nel ciclo e nella sua durata.

Contraccettivi a base ormonale

Non è sempre facile trovare il contraccettivo con il giusto equilibrio ormonale: che si tratti di spirale o di pillola ci possono essere variazioni sulla durata del ciclo. Se ad esempio la spirale non è posizionata in modo corretto ci può essere un flusso più abbondante e un ciclo che dura parecchi giorni. Allo stesso modo, un dosaggio ormonale troppo basso di progesterone dovuto a una pillola errata, potrebbe provocare ipermenorrea, cioè un ciclo forte e molto lungo.

Stress e ansia

Altri fattori da non sottovalutare sono quelli che riguardano la sfera emotiva e psicologica, che hanno un grande impatto sul corpo. In questo caso è bene consultare altri specialisti per andare alla radice del problema.

Cisti ovariche

Le cisti ovariche, tipiche dell’ovaio policistico, hanno una grande incidenza sul ciclo mestruale. Questo può presentarsi in maniera irregolare e passare anche dopo una quantità di giorni variabile.